I 20 temi

Tema
16/20
 

Favorire il commercio al dettaglio che vede coinvolti artigiani e piccole imprese invece di incentivare la costruzione di nuovi centri commerciali.

Il Piemonte è una delle regioni italiane con la più alta concentrazione di centri commerciali. Un modello commerciale opposto ai piccoli negozi e che nelle grandi città sta soppiantando le attività commerciali disseminate sul territorio. Secondo CGIA di Mestre su dati MISE e Infocamere, per ogni posto di lavoro nella grande distribuzione, se ne perdono 6 nel commercio al dettaglio.

Pro Le piccole e medie imprese sono la colonna vertebrale dell'economia italiana. Vanno protette e tutelate. Il comune di Torino dovrebbe incentivare e favorire il piccolo commercio e gli esercizi ”di vicinanza”. A differenza della grande distribuzione, infatti, i piccoli negozi danno spazio ai prodotti locali, con evidenti benefici per l’economia della città. D’altronde i centri commerciali non hanno bisogno di aiuti e sostegni economici, visto che spesso hanno alle spalle grandi investitori. Dunque è inutile incentivare tramite sgravi o contributi nuovi centri commerciali: sarebbe controproducente per le piccole e media imprese locali.

Contro Un'amministrazione comunale non deve favorire né i piccoli negozi, né la grande distribuzione. Le amministrazioni pubbliche non devono intervenire nelle dinamiche di mercato, che invece si regolano liberamente da sole. Per molte persone i centri commerciali sono pratici e necessari per riuscire a svolgere tanti servizi di diverso genere nel poco tempo disponibile.

La posizione dei nostri 5.442 utenti sul tema
Le percentuali non sono statisticamente significative
AIRAUDO
AIRAUDO
Molto favorevole
APPENDINO
APPENDINO
Molto favorevole
ARIOTTO
ARIOTTO
Molto favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
Stop centri commerciali assolutamente. Il commercio al dettaglio tiene in vita i quartieri, dà senso di comunità e perpetua anche cultura e tradizione locale miscelandole con quelle dei nuovi torinesi.
DEL PERO
DEL PERO
Molto favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
A Torino ci sono circa 44 centri commerciali a fronte si una capienza di circa 33 secondo recenti studi, bisogna incentivare artigiani e commercianti attraverso incentivi fiscali soprattutto nelle periferie contro la desertificazione.
DEVOTI
DEVOTI
Molto favorevole
FASSINO
FASSINO
Favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
La rete commerciale è ampia, il dettaglio e la rete commerciale delle piccole imprese rappresenta la vetrina della nostra città e come tale deve essere valorizzata.
LEVI
LEVI
Molto favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
L’area metropolitana di Torino è già satura di offerte commerciali a grande distribuzione. Se non si pone un freno, si accellera la situazione di crisi della piccola e media impresa e del commercio e, di conseguenza, la desertificazione commerciale già citata in precedenza.
MORANO
MORANO
Molto favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
Le amministrazioni finora hanno sostituito i siti produttivi dismessi con palazzine e ipermercati. Secondo uno studio di IRES, Torino ha 12 ipermercati in sovrannumero, a cui fa riscontro la desertificazione commerciale di molti quartieri, che genera disgregazione sociale, esclusione e criminalità. Il piccolo commercio di quartiere è una maglia essenziale della rete di ogni società bene ordinata e rappresenta un valore pubblico indispensabile.
NAPOLI
NAPOLI
Favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
la piccola impresa va supportata perché rischia di scomparire. La grande distribuzione è già solida e presente in forze
RACCA
RACCA
Favorevole
RIZZO
RIZZO
Molto favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
Sempre contro la grande distribuzione del capitalismo globalizzato
USSEGLIO
USSEGLIO
Molto favorevole